fbpx

Il nostro sito Web utilizza i cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza e per visualizzare annunci pubblicitari (se presenti). Il nostro sito Web può anche includere cookie di terze parti come Google Adsense, Google Analytics, Youtube. Utilizzando il sito Web, acconsenti all'uso dei cookie. Abbiamo aggiornato la nostra Informativa sulla privacy. Fare clic sul pulsante per controllare la nostra politica sulla privacy.

Circular economy

Le emissioni di gas serra sono universalmente riconosciute come causa principale del riscaldamento globale e conseguente cambiamento climatico. Un numero sempre maggiore di aziende si sta impegnando pubblicamente a ridurre considerevolmente le proprie emissioni di gas serra entro i prossimi 15 – 20 anni, coinvolgendo nel proprio impegno l’intera supply chain.

Dare al proprio prodotto o servizio una certificazione di impronta ambientale diventa quindi fattore fondamentale di competitività e uno strumento di marketing già utilizzato con successo da compagnie in tutto il mondo.

HIDRA propone vari strumenti di analisi quantitativa attraverso cui le aziende possono accrescere considerevolmente il valore del proprio marchio e contemporaneamente promuovere la sostenibilità e la sensibilizzazione del consumatore. Tra questi assumon particolare rilevanza i servizi di Carbon FootPrint Aziendale, LCA (Life Cycle Assessment) e EPD (Environmental Product Declaration).

circular economy

CARBON FOOTPRINT AZIENDALE 

L’analisi di impronta di carbonio serve a misurare e controllare il livello di emissioni di gas serra dirette e indirette di un’azienda ed evidenziare le aree di miglioramento.

Il risultato dell’analisi è espresso su base annua in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO2eq.) e quantifica l’utilizzo di risorse (materiali ed energetiche) che contribuiscono all’ effetto serra.

Questa analisi permette di riportare i dati a vari enti che monitorano le emissioni globali tra cui il CDP (Carbon Disclosure Project) e SBTi (Science Base Targets initiative).

LCA (Life Cycle Assessment) e EPD (Environmental Product Declaration) 

L’analisi di impronta di carbonio serve a misurare e controllare il livello di emissioni di gas serra dirette e indirette di un’azienda ed evidenziare le aree di miglioramento.

Il risultato dell’analisi è espresso su base annua in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO2eq.) e quantifica l’utilizzo di risorse (materiali ed energetiche) che contribuiscono all’ effetto serra.

Questa analisi permette di riportare i dati a vari enti che monitorano le emissioni globali tra cui il CDP (Carbon Disclosure Project) e SBTi (Science Base Targets initiative).

 

LCA è l’acronimo di Life Cycle Assessment (in italiano: Valutazione del Ciclo di Vita) ed è uno strumento utilizzato per analizzare l’impatto ambientale di un prodotto, di un’attività o di un processo lungo tutte le fasi del ciclo di vita, attraverso la quantificazione dell’utilizzo delle risorse (gli “input” come energia, materie prime, acqua) e delle emissioni nell’ambiente (“immissioni” nell’aria, nell’acqua e nel suolo) associate al sistema oggetto di valutazione.

EPD dall’inglese  Environmental Product Declaration  è la dichiarazione Ambientale di Prodotto ossia uno schema di certificazione volontaria di prodotto, sviluppato in applicazione della ISO 14025 (etichettature ambientali di Tipo III), secondo il Programma International EPD System.
 L’EPD è un documento che permette di comunicare informazioni oggettive, confrontabili e credibili relative alla prestazione ambientale di prodotti e servizi.

L’analisi di ciclo di vita sposta l’analisi dall’azienda ai prodotti o servizi. Considera l’oggetto dell’analisi dalla culla (estrazione di materie prime) alla tomba (smaltimento/riciclaggio).  

Un LCA può includere molte più categorie oltre ai gas serra, allo scopo di ottenere un’analisi di impatto ambientale ad ampio raggio che valuti l’effettiva efficacia degli interventi di mitigazione, riducendo il rischio di trasferimento dell’impatto da una categoria all’altra e nelle diverse fasi di vita del prodotto.

 

l risultati dell’analisi possono essere presentati in forma di report LCA o di EPD conformi alle norme ISO o utilizzati per l’ottenimento del marchio “made green in Italy” .

Questi strumenti promuovono il miglioramento continuo tramite l’efficientamento energetico e dei processi produttivi. Promuovono altresì la progettazione di nuovi prodotti e il miglioramento di quelli esistenti non solo dal punto di vista della loro fabbricazione, ma anche della loro efficienza di utilizzo e di smaltimento, promuovendo una scelta adeguata di materiali e fornitori da utilizzare.