fbpx

Il nostro sito Web utilizza i cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza e per visualizzare annunci pubblicitari (se presenti). Il nostro sito Web può anche includere cookie di terze parti come Google Adsense, Google Analytics, Youtube. Utilizzando il sito Web, acconsenti all'uso dei cookie. Abbiamo aggiornato la nostra Informativa sulla privacy. Fare clic sul pulsante per controllare la nostra politica sulla privacy.

La Strategia delle 3 P per guidare lo sviluppo sostenibile

La Strategia delle 3 P per guidare lo sviluppo sostenibile

Un’azienda può essere considerata sostenibile se crea valore nel lungo termine per tutti gli stakeholder coinvolti nella propria attività. Questa visione si discosta dal concetto di creazione di valore secondo la quale l’azienda deve creare valore per i propri azionisti (o soci), approccio che ha caratterizzato le teorie economico aziendalistiche degli anni ‘80, ‘90 e 2000.  Secondo la “nuova” visione, stakeholder sono tutte le categorie di soggetti che interagiscono con l’Azienda aspettandosi un ritorno oggettivo di valore e quindi: Collaboratori, Clienti, Fornitori, Enti Finanziari, Comunità locali, Stato, Ambiente e … Azionisti.

L’impulso più recente alla diffusione del concetto di sviluppo sostenibile si è avuto grazie all’introduzione del principio della Corporate Social Responsibility (CSR), in virtù della quale le aziende hanno delle responsabilità sociali, oltre a quelle di massimizzazione del profitto a vantaggio degli azionisti; da qui l’allargamento dei soggetti ai quali si rivolge l’azione imprenditoriale. Nell’ambito dell’accounting, vengono proposti modelli per la rendicontazione (per lo più volontaria) che rappresentino gli impatti dell’azione aziendale sui temi sociali ed ambientali, integrando la prospettiva di rendicontazione economico-finanziaria con quella Ambientale e Sociale.

In questa logica si è iniziato a parlare di Strategia delle 3P ovvero, una strategia aziendale che massimizzi tre distinte direttrici: il Profitto, le Persone ed il Pianeta. Massimizzare le tre direttrici significa garantire una strategia di sviluppo che metta al centro tutte e tre le P contemporaneamente, in altri termini una strategia di sviluppo sostenibile.

L’azienda sostenibile quindi non è semplicemente un buon cittadino (ad esempio perché investe rilevanti risorse in attività di sostegno al volontariato) ma è un buon capitalista. Inoltre, se la CSR è generalmente interpretata come il risultato di pressioni esterne, da parte della società e degli stakeholder, la sostenibilità invece deriva da un processo di evoluzione interno, che ridisegna la missione e la strategia dell’azienda ed il suo modo di comunicare coi diversi portatori di interesse, non solo clienti, fornitori e banche.

Se poi consideriamo che  negli ultimi anni si è registrato un notevole ed esponenziale aumento delle persone e consumatori che accedono e scambiano informazioni utilizzando la rete ed i social media, non possiamo trascurare il fatto che sui social media i comportamenti e le scelte strategiche operate dalle aziende sono costantemente valutate da clienti attuali e potenziali di tutto il mondo.

Ora più che mai, le aziende si trovano ad affrontare una pressione competitiva per integrare nuove idee e voci nel proprio operato, dimostrando le ricadute che le proprie azioni hanno verso la comunità di riferimento.

In questo contesto, le controversie sulle operazioni aziendali, così come le azioni positive possono essere amplificate dalle organizzazioni della società civile internazionale o anche da singoli cittadini, aumentandone la visibiltà e l’impatto sulla reputazione e sui profitti aziendali.

Ecco perché parlando di Sostenibilità focalizziamo l’attenzione su nuovi modelli di business che fanno dell’efficienza nell’uso delle risorse, a tutti i livelli (economico, finanziario, umano, ambientale) una precisa strategia aziendale che ha lo scopo di creare profitto ( e quindi valore per gli Azionisti) e, al contempo benessere per i propri collaboratori, per la società in cui operano in termini di difesa delle disuguaglianze e inclusione rispetto all’ambiente.

Questi sono gli obiettivi che ci siamo dati come team di professionisti quando abbiamo sposato il progetto Hidra Strategia, Processi, Valori, costituendo appunto la società in forma di Società Benefit, per avere “scritto nel DNA” della società la nostra Mission: accompagnare imprenditori e aziende verso una crescita sostenibile attraverso l’uso efficiente delle risorse in armonia col territorio.    

Autore:  Dott. Francesco Lagonigro, fondatore HIDRA SB

 

Stay tuned! Resto aggiornato seguendoci in Rubrica www.hidrasocietabenefit.it e sui social @hidrasb