Lean production + Circular economy

Lean production + Circular economy

Lean production e circular economy sono il connubio perfetto tra efficentamento dei processi e sostenibilità

La crisi del modello economico lineare

Il modello economico lineare è un sistema economico basato su un flusso lineare di risorse naturali, estratte e lavorate per creare il prodotto finale e quindi vendute e distribuite al cliente. Dopo la vendita i prodotti vengono utilizzati dal consumatore che, al termine della loro vita, è costretto a scartare e trasformare in rifiuti.

Fino alla fine del novecento tale modello economico – produttivo è stato il modello di riferimento per l’economia mondiale, non tenendo conto della finitezza delle risorse e del problema del crescente inquinamento del pianeta.

I limiti quindi, del modello economico lineare sono evidenti e legati all’esaurimento delle risorse e al cambiamento climatico in atto, è quindi necessario transitare definitivamente verso un modello economico che permetta al pianeta di rigenerarsi ed ai suoi abitanti di continuare a prosperare.

L’economia circolare

L’economia circolare (in inglese circular economy) è un modello economico che permette l’implementazione dello sviluppo sostenibile, occupandosi del lato economico ed ambientale nel vasto spettro di componenti della responsabilità sociale d’impresa.

Il sistema economico fondato sull’economia circolare mira all’eliminazione dei rifiuti ed al riutilizzo continuo delle risorse attraverso il riuso delle materie contenute all’interno di prodotti che altrimenti verrebbero trasformati in rifiuti, rendendo così la vita delle materie circolare e potenzialmente infinita.

Questo modello permette la riduzione degli sprechi e dell’inquinamento, la conservazione delle risorse naturali ed una sostanziosa riduzione dei costi.

ciclo economia circolare

 

Lean production

La metodologia lean è un sistema a produttivo finalizzato all’ottimizzazione dei processi produttivi attraverso una produzione a flusso tirata dalle richieste del mercato e tesa a limitare gli sprechi elevando la qualità per il cliente.

I 5 muda (sprechi in giapponese) vengono identificati in:

  • sovrapproduzione
  • attese
  • trasporti
  • perdite di processo
  • scorte e movimentazioni.

La metodologia lean viene considerata dalla sua nascita un sistema utile ai comparti produttivi, che mette al centro le persone che vi lavorano, migliorandone le condizioni e identificando come ultimo spreco il sottoutilizzo della loro creatività.

L’integrazione tra economia circolare e metodologia lean:  la lean circular

Partendo dall’analisi dei due modelli, seppur in campi apparentemente differenti, sorge da subito spontanea la sensazione che questi siano complementari. Hanno infatti, obiettivi comuni come l’abbattimento di sprechi, la limitazione di movimentazioni e trasporti, l’utilizzo efficiente di energia e materiali.

Ognuno di questi obiettivi inoltre, è direttamente collegato ad un abbattimento di costo e di emissioni, oltre che ad uno snellimento di processo.

Ecco quindi che attraverso una sapiente integrazione delle due metodologie, si va ad efficientare l’impresa sotto il triplice profilo della sostenibilità: economico, sociale ed ambientale con risultati misurabili concretamente attraverso appositi indicatori disegnati su misura.

Se vuoi saperne di più di Lean manufacturing e sostenibilità  clicca qui.

 

 

a cura di Francesco Lagonigro, Elia Martignon